Questo Ŕ il punto cruciale: i dati non sono di proprietÓ della Rip. Informatica, ma del Bussiness. Deve essere soprattutto una strategia del "Business".
Erwin
-----UrsprŘngliche Nachricht-----
Von: lugbz-list-bounces@lists.lugbz.org [mailto:lugbz-list-bounces@lists.lugbz.org] Im Auftrag von Patrick Ohnewein
Gesendet: Montag, 1. August 2011 14:50
An: Linux User Group Bozen-Bolzano-Bulsan; Linux User Group Bozen-Bolzano-Bulsan
Betreff: Re: [Lugbz-list]Pressekonferenz Landesassessor fŘr Innovation und Informatik, Fragen zu freier Software?

Nel caso del GIS la direzione verso OpenData viene data anche dalla Comissione Europea. Vedi le direttive Inspire!

Penso in contemporanea a richiedere all'IT, la richiesta per OpenData vada fatta all'ASTAT e tutti gli enti che gestiscono il patrimonio di dati pubblici...

Lg
Patrick

Roberto Palmarin <rpalmarin@gmail.com> wrote:
Si molto interessante, anzi pi˙ che interessante. ma gli opendata sono
un passo ulteriore, anzi in questo caso a mio avviso un passo in una
direzione diversa e anche pi˙ importante. Non voglio creare una lotta
OpenSource vs OpenData, ma nel caso dei geodati io propenderei per gli
opendata.

grazie a tutti e soprattutto a Maurizio per gli spunti.

/roby

2011/7/31 Paolo Dongilli <paolo.dongilli@gmail.com>:
> A proposito di geodati: oggi sull'Alto Adige e' comparso un articolo dal
> titolo
>   Geodati: verso una banca dati unica - La Provincia vuole omogeneizzarli
> grazie al Software Libero
>
> L'articolo: https://picasaweb.google.com/lh/photo/VoKykcMa7LjP2LPT-3_G2w
>
> Saluti,
> Paolo.
&g t;
> Il giorno 30/lug/2011 19.30, "Maurizio Napolitano" <napoogle@gmail.com> ha
> scritto:
>
>

> http://lists.lugbz.org/cgi-bin/mailman/listinfo/lugbz-list
>
>


http://lists.lugbz.org/cgi-bin/mailman/listinfo/lugbz-list